ALLE ELEZIONI DELL’AFB PRIMA USB: COERENZA E INTRANSIGENZA PAGANO

Bergamo -

92 USB, 88 Cgil, 40 Cisl, 15 Csa. Ecco i risultati delle elezioni per la Rsu, Rappresentanza sindacale unitaria, tenutisi il 13-14.15 aprile alla Abf, Azienda bergamasca formazione, ente regionale che gestisce la gran parte dei corsi di formazione professionale in provincia. Otto sedi, 330 i dipendenti 3.000 circa gli allievi, tre i contenziosi aperti oggi. Il primo con la Regione Lombardia che ha recentemente taglio di 1.700.00 euro i finanziamenti lasciandoli invece invariati per gli enti privati (legati in gran parte alla Compagnia delle opere, cioè Comunione e liberazione). Il secondo con la Provincia. Il passaggio da un presidente della Lega a uno del Pd non ha comportato sostanziali cambiamenti. E gli impegni vengono sempre rimandati e sui finanziamenti non profferisce parole. Il terzo tavolo è con la direzione dell’azienda decisa a tagliare il personale, e non di poco, per far quadrare i conti. Tre questioni che, soprattutto i minacciati licenziamenti, sono stati al centro anche delle elezioni della Rsu. Per i delegati USB l’impegno è di continuare, con coerenza e intransigenza, il lavoro fin qui svolto. Anzi, di più.